GUERRA UCRAINA. ANALISI DI GEOPOLITICA CONTROCORRENTE, SENZA CENSURE, Riportiamo di seguito tre autorevoli interventi : dell’economista Loretta Napoleoni, del massimo esperto italiano di geopolitica Lucio Caracciolo, del Generale Tricarico. In più vi proponiamo un insolito e lucido intervento del Governatore della Campania De Luca.

Ucraina, nessuno intende negoziare: tutti hanno da guadagnarci. Tranne noi europei Loretta Napoleoni- – 24 APRILE 2022 – ilfattoquotidiano Ormai

Leggi tutto

Guerra in Ucraina: angloamericani ed europei inviano armi e producono propaganda bellica a tutto spiano. Ripubblichiamo l’intervista, all’Antidiplomatico del Generale Fabio Mini, già Capo di Stato Maggiore del Comando NATO del Sud Europa, in occasione della pubblicazione del suo libro “Perché siamo così ipocriti sulla guerra”. Rimane il punto di caduta che l’Italia e l’Europa devono conquistarsi la necessaria autonomia, dignità e indipendenza strategica, per poter garantire la sicurezza dei propri paesi a prescindere dalle priorità degli interessi altrui.

“Negoziare. Finirla con il pensiero unico e la propaganda, aiutare l’Ucraina a ritrovare la ragione e la Russia ad uscire

Leggi tutto

La odierna vicenda ucraina, pare seguire il canovaccio della precedente crisi in Ossezia, tra Russia-GEORGIA, del 2008. Quando Bush aizzò i georgiani contro i russi, per mollarli subito dopo che la piccola repubblica aveva provato, rasentando il ridicolo, ad invadere la Russia con una decina di carri armati. Putin stamane è stato chiaro se qualcuno proverà ad interferire in questa contesa a due, le conseguenze per costoro saranno inimmaginabili. Putin non vuole una guerra convenzionale, anche perché economicamente non se la può permettere. Come gli USA alle prese con turbolenze finanziarie e politiche interne pericolosissime. Mentre l’Europa, priva di una classe dirigente politica, continua a blaterare di “sanzioni”, che affonderanno anzitutto le economie europee. Quella italiana soprattutto. Come se ne usciranno ?

Degenerazione della crisi Ucraina. E’ finita come doveva finire. Tranne che USA ed UK non avevano previsto la concreta reazione

Leggi tutto

La Finanza liberista, fomentando l’ideologia del “sempre meglio che niente”, “prima i conti pubblici in pareggio ”, “non ci sono più i soldi”, riesce ad alimentare la percezione che siamo tutti “SOLI”. E ci sentiamo irreparabilmente “SOLI” ogni giorno di più . Così, il messaggio politico veicolato e diffuso dai media, ormai bancocentrici, è chiaro : lavoratori, sostenete e votate coloro che tutelano chi vi sfrutta. Ora c’è pure l’alleanza Sindacati-Confindustria.

A volte anche grandi illusioni che avevano alimentato grandi aspettative si fanno corrompere da presunti stati di necessità. Da emergenze

Leggi tutto

Vi raccontiamo della “Banca Nord Lb” (di Hannover) e non solo. Ossia di come la Germania si scapicolla per salvare le sue banche utilizzando soldi pubblici e non applicando mai il “bail in”. Tutto ciò con tanto di ok formale della Commissione UE, la stessa che ha negato l’intervento pubblico a sostegno della Banca Carige (di Genova) in crisi. La Medesima dinamica che è già avvenuto, e continuerà a verificarsi, allo scopo di salvare le troppe banche tedesche che zoppicano per quanto le loro casse sono imbottite di derivati tossici e crediti inesigibili. Come le regole si applicano rigorosamente agli altri, ed invece si interpretano per gli amici in difficoltà.

Ancora una volta, la Germania mette altro denaro pubblico per salvare una banca domestica, stavolta per circa 4 miliardi di

Leggi tutto

Si parla di “debito buono” e “debito cattivo”. Chi si ricorda la vicenda dei “Derivati di Stato”: quando, dopo la realizzazione della nefasta riforma della legge bancaria italiana (1990), Mario Draghi (Direttore Generale del Tesoro dal 1991 al 2001) svendette, di fatto, l’Italia alle banche d’affari. Proviamo a fare un banale esercizio di memoria.

Mario Draghi, nel suo recente e molto discusso intervento al Meeting di Rimini (che abbiamo già trattato qui), ha ribaltato

Leggi tutto

La grande bufala del MES sanitario senza condizioni. Guida alla lettura delle carte ufficiali del MES, che il presunto sistema politico italiano (tutto) e l’Informazione ufficiale si ostinano a non leggere. Prosegue, così, la “mission default Italia” e (se possibile) della UE, intrapresa dall’UK con la Brexit. L’obbiettivo è distruggere l’economia tedesca e quella dei suoi vassalli (Repubblica Ceka, Austria, Slovenia ed….Italia).

C’è ancora chi sostiene che i fondi MES per combattere il Covid non sarebbero sottoposti a nessuna condizionalità. Eppure queste

Leggi tutto

Avvelenamento del dissidente Navalny: il vero obiettivo di tutto questo enfatico “can-can” è l’oleodotto in costruzione “Nord Stream 2” (la partnership industriale tra tedeschi e russi con la benedizione cinese ed italiana) . Inglesi ed americani (e l’Arabia Saudita con gli Emirati del Golfo) sono sempre “fissi sul pezzo”, nel provare a rendere più difficile e più costoso l’approvvigionamento energetico europeo, Perché, i singoli paesi della UE tendono a sfuggire all’orbita monopolista “delle 7 sorelle”. Comunque nel mirino dei loro fucili veri o televisivi ci sono sempre l’Italia dell’ENI, la “Gazprom” (Russia) e l’Iran, Che, per di più, pretendono di farsi pagare il loro gas e petrolio in euro o yuan (cinese) .

Il 20 agosto 2020 una nuova tempesta mediatica ha oscurato i cieli della Russia: a bordo di un aereo decollato

Leggi tutto

La storiella del ruolo devastante del “Debito pubblico” italiano, è una narrazione fasulla, simile a quella holliwoodiana sugli acchiappafantasmi. Così l’Italia con i suoi “fondamentali economici” più che a posto : va male. Mentre siccome non si parla della notizia dell’impossibile indebitamento del sistema bancario tedesco sull’orlo del default (di una dimensione più grave della storia finanziaria) : per la Germania è tutto OK.

Cosa hanno in comune Alberto Bagnai, Paolo Savona e Luis de Guindos Jurado? In generale sono tre apprezzati economisti, politicamente

Leggi tutto

“Franza o Spagna, purché se magna!”. In politica torna di moda la voglia seicentesca e coloniale di brigare a favore del Re di Francia. Mentre inglesi e tedeschi lavorano alacremente perché l’Italia arrivi al “default economico” e si rompa in tre pezzi. Vi proponiamo un sunto di geopolitica della nostra situazione interna dopo le elezioni europee. Il declino dell’ipocrita Pd viene nascosto sotto il tappeto, come fosse della polvere. Il dramma umano di Salvini terrorizzato e in fuga dalla classe dirigente nord-leghista che lo vuole politicamente morto. Berlusconi che spera di fare un “governo di tutti” quale ultima “mandrakata” della sua carriera politica. I Cinque stelle che, more solito, non si sono resi conto di cosa sta succedendo attorno a loro, riflettono pensosi, votano sulla piattaforma Rosseau, e non si capisce cosa cazzo aspettano.

Miracolo ! Chi non ha fede è legittimato a non crederci. Così, ci tocca parlare dei ridicoli peana e dei

Leggi tutto

Il flop del golpe di Guaidò in Venezuela.“Colpo di stato non riuscito e nessun bagno di sangue. Fallito il tentativo di dare un pretesto agli USA per intervenire militarmente a fini umanitari”. Gli Stati europei che avevano riconosciuto Guaidò (tranne l’Italia) fanno “malafigura” e non hanno più che dire. Tranne Matteo Salvini ed Antonio Tajani che perdono l’occasione per stare zitti. La vera posta internazionale nella crisi venezuelana è la strategia geopolitica dell’Arabia Saudita avallata da Trump per far aumentare il prezzo del barile di petrolio. Non si capisce perché la Casa Bianca di “first America” voglia favorire il caro-benzina che sarà un disastro per l’Economia degli alleati dei Paesi UE.

Una premessa. Ci occupiamo del Venezuela in questo Blog, con tanta insistenza, per due ordini di motivi : 1) perché

Leggi tutto

“Cchiù pilu pi tutti”. Autonomia differenziata e dissoluzione dell’unità nazionale: al di là del facile razzismo contro “i terroni spreconi” (quelli che secondo la vulgata liberista stanno sempre seduti sui divani), ora pare che ce lo chieda l’Europa (ossia la Germania). Ormai l’impalcatura di Bruxelles è solo una mera operazione mercantilistica, a trazione dei paesi europei del centro-Nord. Le elité economiche e speculative delle tre regioni italiane interessate, rispettano solo i “danè”, e la funzionalità dei loro interessi finanziari con quelli del capitale tedesco ed inglese. Per loro non conta nient’altro. Pure dei dialetti e delle tradizioni di veneti e lombardi questi affaristi, svegliatisi autonomisti, se ne fottono.

I frequenti processi di Secessionismo negli Stati aderenti alla UE. Dietro le apparenze, l’autonomia differenziata sembra essere parte di un

Leggi tutto

Bot e minibot, “moneta fiscale” per pagare i debiti commerciali della Pubblica Amministrazione. Mentre, la “Destra politica” lievita elettoralmente e culturalmente. La “sinistra parlamentare di comodo”, non fa il suo, cercando di rassomigliare sempre più a Sgarbi ed a Mara Garfagna. Remissiva su annullamento dei “diritti sociali”, però inflessibile nel favorire l’arrivo di migranti. Da ridurre poi in schiavitù nei campi al Sud ed in edilizia (e logistica) al Nord.

Cosa è diventata oggi la Sinistra in Italia ? Dura sulla difesa delle istituzioni rappresentative ?  Durissima sui diritti sociali

Leggi tutto

Quale è la verità sulla dinamica/nomine della prossima “governance” dell’Unione Europea ? Germania, Francia, Italia e Spagna, si giocano la vita. Sono saltati i vecchi equilibri politico-economico nella UE, ed il relativo vecchio modo di trattare. Poi c’è Trump e la Brexit del “no deal”. Non ci resta che sperare in un intervento di S. Rosalia..

Non si può comprendere ciò che può accadere nella trattativa per preparare l’organigramma che gestirà l’UE per i prossimi 5

Leggi tutto

Nuova “Governance” della UE “a stelle e strisce”: Christine Lagarde e Ursula von der Leyen, elette all’unanimità dai governi europei. Due volti femminili del neoliberismo più selvaggio. Così la NATO ed il Fondo Monetario Internazionale hanno piazzato due loro fiduciari alla guida dell’Europa unita. Una pura contraddizione in termini. Se va bene saremo fottuti tra una austerity ancora più dura e l’organizzazione di nuove guerre umanitarie, per fare un favore al nuovo asse internazionale Arabia Saudita Israele che ormai dirigono la politica estera USA di Trump, ed ora pure di quella europea. Evviva !!!

Procedendo con una stupefacente e penosa operazione di marketing politico, saranno Ursula Von der Leyen e Christine Lagarde a presidiare

Leggi tutto